MARA/JOIAS
"SAS ISTAJONES"

Il progetto “SAS ISTAJONES” nasce dalla collaborazione con il negozio di artigianato artistico Joias di Tortolì.

Si parla di Foulards in seta e Pareo in cotone, accessori il cui tessuto diviene la superficie di narrazione delle stagioni isolane che si ripetono con ciclicità.
In Sardegna ogni Istajone è accompagnata da particolari eventi identitari, antichi e magici, un vero inno al concetto di vita.
Cadenzate dal tempo, mostrano come la circolarità della vita sia indispensabile per ogni essere che le appartiene, in un incantato ritmo infinito.

Attùnzu è l’Autunno con su Mortu mortu o is Animedda, dedicato ad una festività che affonda le sue radici in tempi antichi quando la morte non faceva paura; siamo in quei giorni dell’anno dedicati alla sensibilità di condivisione tra vivi e morti, presente in tutte le culture.

Jerru è l’Inverno, immerso nella magia cromatica fatta della sacralità dell’oro, dell’infinito nero orbace, la vitalità del verde legato alla natura che attende di prender corpo con i primi germogli primaverili, ed infine il rosso la passione, il sangue, la vita, la fertilità.
Parliamo di metà Gennaio in cui in Sardegna inizia il carnevale, raggiunge l’apice a Febbraio e si protrae sino a Marzo.

Berànu è la Primavera con i suoi profumi, dove dopo un inverno rigido la vita esplode giovane e fresca; un vero canto della natura sotto tutti gli aspetti. Si parla di sa Ramadura, questa è la fase di un evento annuale tanto atteso dai sardi “la processione di Sant’Efisio” dove credo, dedizione, amore, tradizione, senso di appartenenza e condivisione vivono all’unisono.

Stàdi è l’Estate , dedicata al 21 Giugno ovvero al Solstizio d’Estate, quel momento dell’anno in cui il sole ci dona il massimo della sua luce, in passato segnava la fine dell’Estate.
Si parla dei fuochi di San Giovanni dedicati alla divinità del Sole alla dea Madre con le sue spciali piante endemiche e all’acqua come elemento di purificazione e di magia.